Riflessioni post gara e leggero defaticamento.

Pubblicato da GIAN CARLO lunedì 2 marzo 2009

Riflettevo un attimo, dal momento che, così come in foto, non sempre tutto è facile come sembra. Ogni anno vado un po' + piano e la Roma-Ostia di ieri(il post è sotto), seppur positivamente conclusa, me lo conferma. Rispetto allo scorso anno (1h 27.18) ho perso 32 secondi. Non molto, ma c'è un saldo negativo. Poi pero', a leggere i passaggi e a voler essere ottimisti, emerge anche un altro dato. Di quei 32 secondi ne ho persi 10 nel primo km, anzi forse li ho persi tutti nei primi 300 metri. Lo scorso anno ero posizionato lateralmente e son fuggito subito via, mentre quest'anno, in gruppo con i Bloggers, eravamo al centro dove c'è più casino e siam partiti tiepidi anche per non perderci. Poi, leggendo i vari lap, scopro che, tolti questi primi 300 metri ho "camminato" esattamente alla stessa velocità dello scorso anno fino al 19esimo km abbondante. Qui, ancora con soli 10 secondi di ritardo, al momento di fare gli ultimi 1900 metri il vento contrario mi ha tolto gli altri 22 secondi, altrimenti probabilmente sarei riuscito a mantenere quel passo. La medaglia, come sempre, ha il suo rovescio. Infatti, è altrettanto vero, che lo scorso anno era molto caldo e tanti runner erano scoppiati nel finale, sciolti dalla prima giornata di anticipata primavera, mentre ieri la temperatura era OK e di conseguenza è proprio la mia posizione globale che è peggiorata in % sullo scorso anno.
Quindi quel mezzo minuto ci sta tutto... voi che dite ?
Del resto come sperare ... nel curioso caso di Benjamin Button.
Qualcuno direbbe: Sei matto ?!? Questa è una masturbazione mentale ! Vero, ma the long run per riuscire ad interpretarsi sempre al meglio mai si arresterà nella filosofia di Runnerblade !
Oggi 7km a 5.15 in notturna con giretto nel cuore di Trastevere, strade bagnate e riflessi di luce tra i vicoli che donavano magie... gambe discrete che hanno ben digerito lo sforzo di ieri....
...vostre critiche e commenti sempre graditi.

43 commenti

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

  1. kaiale ha scritto:
  2. beh
    la partenza è sempre un casino, se rimani incastrato poi....
    cmq dai...
    va bene...
    verso la maratona a testa alta.

    io oggi ho fatto solo bici sui rulli....

     
  3. Marco Bucci ha scritto:
  4. ...allora c'avevo ragione io che stavamo ad anna' piano...!!
    Lo capisci da te che sei mejo dell'anno passato no ?! Guarda che il vento ti ha fatto perdere anche 30 secondi... Io sono passato da 3.55 a 4.17...!!
    Comunque dai famo Roma e se te la senti poi si puo' andare a Rieti, a meno che non si scontri con Boston...
    A Rieti tirero' alla morte... se non ho strascichi dalla maratona...
    Ciaooooo

     
  5. GIAN CARLO ha scritto:
  6. @Alessio, la testa è sempre alta...quasi nelle nuvole !

    @Marco, e allora come si spiega che mi sono arrivate davanti 120 persone di + ?

     
  7. Francorre ha scritto:
  8. Una parte di quelle 200 persone in più sono rappresentate dall'incremento di persone che sono iscritte alla RO 2009.
    In parte l'appagamento per l'ennesimo scudetto potrebbe avere influito, questo potrebbe valere 50 persone. Ci siamo quasi, secondo me vali ancora Gian Carlo 2008.

     
  9. Anonimo ha scritto:
  10. giancà, hai bisogno di una voce fuori dal coro, no? i secondi persi nel tratto col vento contro li avevi guadagnati prima nel pari tratto col vento a favore, o no? nel tuo caso quello che dice ugo qualche senso ce l'ha: per contrastare il progressivo rallentamento dovuto alla fissazione con la maratona, fatti un paio di stagioni sui 1500! luciano er califfo.

     
  11. stoppre ha scritto:
  12. ciao, io dico che puoi metterci la metodologia che vuoi, se non è giornata sgarrerai, se al contrario ci sei, pur non avendo un metodo, andrai forte lo stesso, certo la preparazione è fondamentale, ma chi ci garantisce che le ripetute, i medi, i collinari etc.. invece di farci migliorare non ci limitino ? La linea che divide il giusto dal troppo a volte è sottile. moh

     
  13. Mathias ha scritto:
  14. hai trovato il motivo del rallentamento, nell'intoppo iniziale e allora, secondo me sei andato alla grande. Mi unisco a luciano, è una sfida..velocitaaaà ti ho perso ieri ed oggi ti ritrovo già.. perchè non ci provi. Lo so che hai paura dell'infortunio magari, ma con le giuste precauzioni dici che ciononostante ci si fa male uguale?..

     
  15. Igor ha scritto:
  16. A Giancà, e che vuoi che siano 32'' su una maratonina? Se fossero stati persi in un 5'000 o 10'000 è un conto, ma sinceramente ritengo che uno scarto positivo o negativo di 32'' non deve ne far esaltare ne preoccupare, nel senso che le variabili in gioco sono talmente tante che per fare un paragone con l'anno passato avresti dovuto correre nelle esatte condizioni anche quest'anno. Secondo me la "perdita" è da considerarsi comunque non preoccupante e nella media. Anche io dopo una gara mi faccio le "seghe menatli" se sono più lento di qualche secondo ma alla fine è poi solo qualche secondo...

     
  17. GIAN CARLO ha scritto:
  18. @Franco, l'appagamento da scudetto non l'avevo valutato, dopo tanti anni di sofferenza mi sembrava di vivere un momento di euforia... facciamo così, vinciamo questo e poi basta.


    @Stoppre, verissimo la linea di confine tra il troppo e il troppo poco e sottile e anno dopo anno quella linea non è neanche sempre ferma nello stesso punto.


    @Igor, tu sei in un'età che un eventuale rallentamento rispetto all'anno precedente non puo' essere fisiologico, ma solo dovuto a leggeri intoppi preparazione differente etc etc... al limite anche ad usura(troppe gare)... ma tutto ciò mi sembra che non ti riguardi.

     
  19. GIAN CARLO ha scritto:
  20. @Math e Luciano, la velocità è un campo minato, se avete visto ho fatto una volta 5*1000 e pur non avendoli fatti mai sono andato molto + veloce dei ritmi che posso tenere in gara. Non vi dico che succede se faccio i 400 o allenamenti similari senza paura per 3-4 settimane finisco per farli a 1.20.
    E' che questo non cambia una cosa. Il fisico è consumato e non è + in grado di fare una mezza a 4 o una maratona a 4.15
    Luciano, tu parli di 2 anni di allenamenti con brio, poi che faccio a 52 anni torno a fare le maratone ?
    E' una coperta corta, dove io l'ho tirata troppo da una parte... ma anche l'altra scopre qualcosa.
    Avrei dovuto fare la maratona in autunno e non in primavera questo è verissimo, poi però Boston o Vienna mi attizzavano e è finita così.
    Per il futuro, la logica il buon senso e voi praticamente dite che il prossimo autunno niente 42km e anche io se qualcuno mi chiede consigli su di lui in situazione analoga lo spingo in quella direzione.... questa è la teoria.
    Poi però, in pratica, con Franca e Ezio parlavamo di organizzare la maratona di Amsterdam con tutti Bloggers a fine ottobre, beh se decidiamo io che faccio... i 400 ?

     
  21. Andreadicorsa ha scritto:
  22. quei 32 secondi ci stanno con gli interessi, la prossima volta posizionati meglio alla partenza, con i blogger ti puoi trovare prima e dopo, ma in gara coltello tra i denti;;--)))

     
  23. Francarun ha scritto:
  24. Quanti numeri....i secondi e quarti di secondo, ma cosa conta ? sei andato bene il resto conta poco.

    PS: scusami Giancà ma quando sei arrivato te mica tirava vento ......quando siamo arrivati noi soffiava a 30 km orari....

     
  25. Mic ha scritto:
  26. Secondo me valutare il tuo stato di forma su una singola gara è forviante. Come dici tu, concordo sul fatto che le differenze di temperatura portino a variazioni notevoli sulla prestazione cronometrica, specie se salta fuori il primo caldo, quando ancora non si è abituati. Forse potresti fare delle valutazioni nei confronti di qualche rivale di un livello simile al tuo. Ieri in allenamento sono passato ad un ipotetico traguardo della mezza maratona in un tempo vicinissimo al tuo, sai Giancarlo?! (Stavo appena dietro) :-)

     
  27. ugo ha scritto:
  28. 1 h 27' 50'', è il tempo che ho fatto 2 settimane prima di Roma lo scorso anno, sotto darico, va bene ma a Roma ho fatto 3h 08' 02'', ci stai? Si sono lamentati tutti e tutti hanno perso qualcosa in piu di te, tu confermi e vieni da un recupero, sei in buona e confortante forma, questa è un'analisi corretta e credibile!
    Ti può fermare solo la testa ed anche questo sai, a proposito.....m'hai fatto fare fare un tempo discreto!!!!!BRAVO!

     
  29. GIAN CARLO ha scritto:
  30. @Franca, ho perso 30 secondi e il vento tirava a 30km orari !
    Poi come diceva Luciano, un po' ci aiutato nei 2km verso nord.

    @Andrea, alla fine non avevo neanche + i denti... mi era rimasto solo il coltello.

    @Ugo, la forma è in crescita questo è certo, a Roma farò solo il lungo.. tirerò a Boston, dove voglio pure rischiare qualcosa, solo che tra fuso e percorso duro sotto a 3h e 15 già va bene.... fosse Padova avrei scritto 3h e 10

    @Mic, stavi appena dietro... io l'ho messo a verbale !!!!!
    Vedremo se la forma continuerà a migliorare...lo scorso anno fino ad aprile è migliorata... ma ero + vicino al top ora credo di avere + margine di miglioramento.

     
  31. Micio1970 ha scritto:
  32. Difficile valutare quello che dici da una gara. Dovresti confrontare almeno 2 gare (10.000 e 21k) in condizioni simili. Mediamente leggo si dovrebbe perdere 1'' a km (sui 10.000) ad anno di età a partire dai 38/40 ma è la storia del mezzo pollo ...

     
  33. GIAN CARLO ha scritto:
  34. Micio, 1 secondo al km è ottimismo puro.
    E poi fino a quando ?
    Con questa logica uno di 80 anni ben allenato perderebbe solo 40 secondi quindi invece di correre in 37.40 minuti correrebbe in 45 netti.... non esiste !!!!!

    Sergio Agnoli, un grande(è campione del mondo), a 65 anni faceva 34 su 10km a 80 faceva 48 e ancora vince oggi a 83 vince i mondiali.

     
  35. Filippo Lo Piccolo ha scritto:
  36. Mah, non so che dirti Giancarlo...
    Se senti il feeling con questa corsa può e deve bruciarti molto questo rallentamento sul tempo totale causato da 'sti rallentamenti.
    Ma non sono il più adatto ad esprimermi. Mi chiedo ancora come si riesca a correre così forte su questo lungo impervio rettilineo e mi complimento con chi va dall'1h07' in giù.
    Sarà febbraio, sarà un calo periodico, se ce l'hai avuto anche te, farei passare senza troppe domande questo evento.

     
  37. GIAN CARLO ha scritto:
  38. @Filippo, comunque è gara veloce perchè l'altimetri seppur mossa è favorevole.
    Si parte da 33slm metri si sale a 55 si riscende a 30 si risale fino a 66 e poi si riscende fino a 2.
    Giorgio Calcaterra ha fatto 1h 05.30 con i migliori Keniani....ma quelli forti sul serio che han chiuso 1h 01 calcola che c'era uno che aveva 2 prestazioni da 59 e 2h e 05 sui 42km

     
  39. Fatdaddy ha scritto:
  40. Già è difficile commentare seriamente un post ricco di numeri e dati tecnici...se poi uno (a caso!) continua a far cascare l'occhio sulla fotina di destra (quella de "Prossima gara Maratona di Roma"), è ovvio che si deconcentra!
    Ora capisco i tuoi tempi, se segui quelle "pacer"... :)))

     
  41. GIAN CARLO ha scritto:
  42. @Marcello, ti confesso che la foto l'avevo scelta perchè il "panorama" mi piaceva, ma mai avrei pensato che qualcuno ci si sarebbe distratto... Potenzialmente questo mi dice che sei in forma... almeno dalla vita in giù..che poi è quello che serve per la corsa

     
  43. FabioG ha scritto:
  44. gian carlo, come si evince anche dai tanti commenti il discorso è complesso. Dopo i 40, per i runner evoluti con molti anni di attività alle spalle, credo purtroppo che sia molto difficile continuare a progredire. Ad assoluta parità di condizioni (e non è il caso delle tue due gare nel 2008 e 2009) è già soddisfacente mantenersi sugli stessi tempi. Diverso è il caso di runner anche over 50 che abbiano iniziato da poco l'attività: i margini di miglioramento sono grandi.
    Nel tuo caso specifico credo che la tua prestazione di quest'anno sia migliore di quella del 2008 perchè:
    1) sei in ripresa
    2) il vento dell'ultimo km ti ha levato almeno 15 sec
    3) gli altri 17 li hai persi in partenza
    Comunque il mio consiglio è: corri ciò che preferisci! Maratona e 1500 sono praticamente sport diversi, l'importante è divertirsi.

     
  45. Micio1970 ha scritto:
  46. La mia fonte è questa
    http://www.albanesi.it/Arearossa/Articoli/115etasport.htm

    si parla di peggioramento nei casi migliori che di fatto significa:

    1) non aumento di peso ( e già questo è raro)
    2) mantenersi in pieno allenamento
    3) fino ai 60 anni. Dopo possono sorgere anche problemi muscolo-scheletrici differenti

    Poi forse hai ragione sono ottimista ...

     
  47. GIAN CARLO ha scritto:
  48. @Fabio e Micio, come dice Fabio, Albanesi di fatto non considera l'usura o la considera secondo me troppo poco.
    Io continuo a fare i km di prima tengo il peso in quel range... poi pero' la macchina è usurata... e come dice Er Califfo pure dalle Maratone che se facevo solo i 10000 reggevo meglio.
    Certo talvolta a distanza di un anno faccio una gara che l'anno prima non avevo fatto al top e su quella gara posso anche migliorare, ma è palese che i ritmi di 5-7 anni fa non mi appartengono + mancano circa 10 secondi al km

     
  49. FabioG ha scritto:
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.  
  51. FabioG ha scritto:
  52. tutto vero giancà, ma in fondo... che te frega?
    Per citare ancora Albanesi, che mi sembra sia un riferimento per molti di noi (io lo considero talvolte troppo integralista, ma tutto quello che scrive è sempre argomentato), si dovrebbe CORRERE PER VIVERE MEGLIO. I tempi, prima o poi, non migliorano più.
    Tra le due seguenti ipotesi, quale sceglieresti?
    A) correre nel 2009 la tua ultima maratona in 2 ore e 50 min + un diecimila sotto i 37 min, ma smettere poi di correre nel 2010 per acciacchi vari o semplicemente per noia
    B) non migliorare più i tuoi PB, ma continuare a correre fino alla categoria over 85, magari senza più guardare il cronometro

     
  53. GIAN CARLO ha scritto:
  54. @Fabio, la risposta è facile, l'ipotesi 1 oltre ad essere malsana è irrealizzabile.
    La risposta 2 è super invitante proprio perchè realisticamente difficle.
    Poi son che un occhio al cronometro lo butterei lo stesso :-)

     
  55. Alvin ha scritto:
  56. Voto per "la masturbazione mentale"...ti sei dimenticato che quest'anno pesavi di più dell'anno scorso? eccoli lì quei 22 secondi!

     
  57. GIAN CARLO ha scritto:
  58. @Alvin, ci sei arrivato subito perchè sei attento al tema onanistico !

     
  59. Kikko ha scritto:
  60. Ciao GianCarlo,finalmente riesco a scrivere qualcosa sul tuo blog,visto che sul PC al lavoro non posso commentare,volevo ringraziarti per tuoi commenti sul mio blog li leggo sempre tutti e in tante situazioni mi danno la carica,e poi farti i complimenti per lo splendido blog dove leggendo i vari post si vede che la tua è una carriera da runner che non molla mai!

     
  61. GIAN CARLO ha scritto:
  62. @Kikko, i miei complimenti a te... come Runner che cammina + di me, ma questo è facile e oggettivamente poca cosa.
    Poi pero' un complimeto particolare per la tua conoscenza sui vini.
    Io sono un semplice gran consumatore... non mollo mai il bicchiere... mi piacerebbe un giorno parlare con te :-)

     
  63. Diego ha scritto:
  64. Certo che ci sta tutto !
    complimenti !

     
  65. GLAUCOS ha scritto:
  66. Gianca', dalle mie parti si dice " ti lamenti del brodo grasso " in effetti se ci pensi che cosa sono 32 secondi su una mezza, alla tua età. Che scusami, ma non è più ventanni da un po' di tempo.
    Sai quanta gente firmerebbe per poter fare i tuoi allenamenti e i tuoi tempi? Ci pensi mai a tutti quelli che si infortunano pur correndo decisamente meno km. e più piano di te.
    Ho letto del tempo che vuoi fare alla maratona di Roma per allenarti, e sono davvero dispiaciuto di non essermi iscritto.
    Minchia, quel tempo posso reggerlo, e avrei potuto correre con il Mister. Mannaggia.

    Ciao Glauco

     
  67. GIAN CARLO ha scritto:
  68. @Glaucos, fino al 5/3 ti puoi ancora iscrivere :-))

    @Diego, per il tuo compleanno ti regalo 2 scatole di imodium !!!

     
  69. GLAUCOS ha scritto:
  70. Giancarlo,
    è che sono gia' iscritto ad un'altra maratona il 26 aprile,
    poi domenica prossima faccio 30 km a ferrara, e fare altri 42 km il 22/3 non sarebbe molto salutare per le mie ginocchia malandate.
    Sarà per la tua prossima maratona d'allenamento, magari prima di Amsterdam.

    Ciao Glauco

     
  71. GIAN CARLO ha scritto:
  72. @Glauco, senza cercarle le cose accadono... basta restare in pista.

     
  73. Mathias ha scritto:
  74. risponde Eleonora, fidanzata di Mathias (gianca..perchè non integri nel post le risposte date dalle consorti? :-)
    1) Come è la vita accanto ad un malato della corsa ?
    la vita accanto ad un malato di corsa è abbastanza normale, se non fosse che il compagno non cerchi di farti convertire alla sua stessa passione( e chi lo sà magari un domani mi contagerà pure???).
    2) Sognavi un compagno senza fissazioni o preferivi ne avesse altre ?
    No, le passioni è bene che ci siano!Sia per chi le ha, perchè rende la persona 'viva', e sia per chi gli stà accanto, perchè , anche se non sono le stesse, servono a dare un pò di pepe e a non rendere il rapporto troppo monotono.

    3) Quale è la cosa che meno sopporti della mia passione ?
    3)TUTTI I NUMERI...e cioè il dover misurare l'andatura..il tempo..
    IL DOVER ALZARSI PRESTO!Non sò come facciano certe persone, ma io non riuscirei a svegliarmi presto per andare a correre...sarà perchè sono una pigrona!

     
  75. GIAN CARLO ha scritto:
  76. @Math, hai sbagliato post... è grave !

     
  77. Kikko ha scritto:
  78. Sicuramente un giorno verrò dalle tue parti a fare una gara e allora avremo modo di parlare di questa altra grande passione...il vino.
    Ovviamente io essendo piemontese ho facilità a bere vini ottimi della mia zona,ma anche vicino a te in provincia di Latina a Le Ferrerie c'è un azienda che fa buoni prodotti,si chiama Casale del Giglio,il loro vino di punta è il Mater Matuta un uvaggio Syrah e Petit Verdot che fa un affinamento in legno di 2 anni,costa vicino ai 30 euro,da spendere meno fanno il Madreselva (Merlot-Petit Verdot) che fa 18 mesi in barrique un vino molto morbido,costo sui 15 euro.
    Poi ovvio il panoramo internazionale offre di tutto di più ma è importante prima conoscere bene i prodotti del proprio territorio da abbinare con le specialità locali.
    Fammi sapere se riesci a degustarli.
    Ciao runner!

     
  79. Anonimo ha scritto:
  80. kikko, sono anch'io appassionato di vini, mio fratello è sommelier (amatore). del "casale del giglio" bevo lo shiraz che ha un prezzo abbordabile. conosci il "colle picchioni"? comunque il lazio non è in fatto di vini fra le migliori regioni italiane. er califfo.

     
  81. GIAN CARLO ha scritto:
  82. @Kikko, grazie ho preso nota.

    @Luciano, tendi alla tuttologia.

     
  83. Anonimo ha scritto:
  84. no, giancà, sono completamente ignorante di informatica, non so giocare a stecca, non so sciare, mai guidato un motorino, non so usare cellulari e macchine digitali, non so cos'è un avatar (o atavar?), sono pessimo a carte, soprattutto a tresette. er califfo.

     
  85. GIAN CARLO ha scritto:
  86. @Luciano, il motorino evidentemente non ti serve... il resto so' cazzate...però essere scarso a tresette è una grave mancanza.

     

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

Per ora ho visto solo i puntini

Per ora ho visto solo i puntini

Contatore ripartito il 10/10/2009

Lettori fissi