Differenza tra pioggia-bike e pioggia-run

Pubblicato da GIAN CARLO domenica 18 dicembre 2011

Sabato ho fatto una quarantina di km in bici con la pioggia che mi ha raggiunto con violenza già all'altezza del decimo km.
Domenica venti km di corsa di cui 10.500 fatti da pacemaker a Villa Pamphili(alla Christmas Run), anche qui molta acqua e termometro oscillante tra i 6 e gli 8 gradi.
Beh, sarà che nasco runner, sarà che correndo ci scalda di più, ma la pioggia di domenica mi ha lasciato quasi indifferente, mentre quella di sabato mi ha ucciso. In bici eravamo anche sopra ai 10 gradi eppure sono tornato a casa con piedi e mani completamente congelati.
Bicchiere mezzo pieno. Ho fatto tutta la salita del campeggio sulla Cristoforo Colombo(quella della Roma-Ostia) senza scendere mai sotto i 20km/h. Domenica poi il ginocchio ha retto bene la prova dei 20km di running al punto che son quasi pentito di non essere andato a Pisa.
Bicchiere mezzo vuoto: è quasi ora di iscriversi a Pescara e sempre più mi accorgo di come sia difficile allenarsi in piscina e in bici... specialmente se faccio il confronto con la facilità che trovo nel correre.
Vabbè, vi lascio spazio... in fondo sono stato bravo, per un post non ho citato la parola crisi e timidamente ne torno a sussurrare una che da tempo non riuscivo più a pronunciare: Inter !

28 commenti

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

  1. Micio1970 ha scritto:
  2. Annoto e mi accomuno alle tue difficoltà di riuscire a gestire tre sport. Per ora io riesco solo con due e userò arrivarci piano piano: probabilmente 2012 olimpico, 2013 mezzo ironman

     
  3. GIAN CARLO ha scritto:
  4. @Stefano, cioè il 2012 vai a Londra e nel 2013 a Pescara ?

     
  5. Anonimo ha scritto:
  6. aio' giovane! gia'...INTER !!!!! Luca M.

     
  7. theyogi ha scritto:
  8. darò voce al dubbio che t'attanaglia: insistendo faccio la cosa giusta o devo interpretarlo come un segno e far finta che ho scherzato...?

     
  9. GIAN CARLO ha scritto:
  10. @Yo, sono un poco oltre la metà del guado, difficile(ma non impossibile) tornare indietro.

    @LucaM, se sei un pazzo al punto che la mattina di Natale ti fai 40 minuti di corsa non hai che da chiamarmi... io sono li.

     
  11. MauroB2R ha scritto:
  12. beh la corsa fa parte di te da tempo immemore, non puoi pretendere di trovare in un mese lo stesso feeling anche con altri sport.. un pò come con le donne immagino..no?

     
  13. Ale57 ha scritto:
  14. Non ho capito l'ultima parola: parlavi di calcio???

     
  15. GIAN CARLO ha scritto:
  16. @Ale, molto timidamente ...non cominciare ad entrare a gamba tesa.


    @MauroB2r, sulle donne mi avvalgo della facoltà di non rispondere

     
  17. Master Runners ha scritto:
  18. Ieri di sicuro potevi fare un buon under 3e15, temp3°, percorso piatto, vento dal 31° al 38° ma a tratti.
    Il difficile non è l'allenarsi, il difficile è adattarsi

     
  19. Micio1970 ha scritto:
  20. Risposta brillante ... a Londra ci vado se il cambio (Euro ... Lira ... Euro2 /Sterlina) lo permetterà ... ma come turista. Per fare un "olimpico" basta l'idroscalo di Milano!

     
  21. GIAN CARLO ha scritto:
  22. @Master, senza nessun richiamo di lungo non avrei potuto mai andare under 3h e 15, per il resto mi sarei divertito lo stesso... ma averi saltato un allenamento in bici che oggi vedo + necessario... per adattarmi.

    @Stefano, credo proprio che in questo 2012 sarà difficle beccarci... ma ..mai dire mai

     
  23. Paolo Isola ha scritto:
  24. Io sabato sono andato in bici con 13° alla partenza e 14° alla fine e non ho avuto nè caldo e nè freddo, sono tornato a casa senza una goccia di sudore.
    Domenica ho corso a piedi con 9° alla partenza e 10° alla fine, sono tornato a casa grondante di sudore e mi sono pentito di essere uscito con la tuta in poliestere, la stessa tuta che ho usato sabato nell'uscita in bici.
    Il motivo di ciò è semplice: la corsa a piedi ha frequenze cardiache più alte della bici, ad esempio domenica a piedi ho tenuto i 180 bpm di fc media contro i 148 bpm della bici, ed inoltre l'effetto vento che si genera in bicicletta è ben più alto che nella corsa a piedi.
    MORALE DELLA FAVOLA: la corsa a piedi scalda di più perchè le frequenze cardiache sono più alte che nella bicicletta ed inoltre c'è un effetto vento minore, specialmente in discesa dove la bici prende velocità, oltre al fatto che non si pedala e perciò non ci si scalda.

     
  25. arirun ha scritto:
  26. La soluzione di andare in piscina quando piove immagino tu l'abbia già contemplata vero ;)))Buon anno a tutta la famiglia Runnerblade inter esclusa!

     
  27. GIAN CARLO ha scritto:
  28. @paolo, quello che dici è verissimo, se poi ci metti la pioggia l'effetto è ancora moltiplicato.
    Una volta bagnato in bici sei fottuto, mentre correndo hai margine.

    @Arirun, purtroppo la piscina non è sempre open e in oltre per me non è neanche così facile arrivarci(3km trafficatissimi).
    In moto è facile parcheggiarci, ma se piove sei uno sfigato, in auto sei OK, ma ci parcheggi cor cax.o

     
  29. Emiliano ha scritto:
  30. Ma quanta voglia di diventare trialteta hai! Bravo GC,bel esempio di impegno.
    Ciao e auguri di Buone Feste a te e famiglia.

     
  31. Oliver ha scritto:
  32. Devi darti il tempo di adattarti, non hai scelta, ma devi restare positivo. Il triathlon si basa sul crosso training, dove uno sport va ad allenare anche l'altro, e da qui a Pescara ce n'è di tempo per allenarsi!

     
  33. insane ha scritto:
  34. Premesso che corri da una vita e pedali da 5 minuti..in bici è normale avere tante più difficoltà in certe condizioni,infatti molti ciclisti in quèsto momento sono in letargo.. ;)

     
  35. GIAN CARLO ha scritto:
  36. @Insane, qualsiasi risposta ti do sarebbe banale, quindi seriamente ti mando il mio più sentito degli incitamenti.

    @Ollie, l'importante è non diventare positivo al controllo anti-doping e su questo sono sicuramente meno preparato dei ciclisti veri.

     
  37. GIAN CARLO ha scritto:
  38. @Emiliano, la voglia ci sarebbe(e uso il condizionale), ma trovo resistenze in ogni dove:negli orologi che scandiscono le giornate, nel meteo e in generale in dietro agli angoli della strada.

     
  39. Emiliano ha scritto:
  40. Capisco le difficoltà che incontri!
    Quella che mi affanna maggiormente è dettata dal tempo che scorre e mi fa passare a volte la voglia di correre,figurati quella di pedalare che impone molto più tempo!
    Ad oggi l'impegno maggiore sta nel ritagliarmi tempo.Come ti scrivevo nel post gli esempi come il tuo fanno da traino!!

     
  41. Marco Bucci ha scritto:
  42. Anche a me l' hanno proposto, ma io a Marco je vojo bene....
    Meglio anna' a pescare che a Pescara.....!!!
    Damme retta e rinfodera lo spadino.
    Per il resto : INTER !!!!

     
  43. Diego ha scritto:
  44. Quando piove usa i rulli...(;-)

     
  45. GIAN CARLO ha scritto:
  46. @Diego, ho pure una cyclette da spinning di buon livello(pesa 40 kg), ma + di 30 minuti non riesco a starci mi uccide.

    @MarcoB, io pure a Marco je vojo bene, ma se batto er Catena non sai quanto bene faccio a RB !!!

     
  47. GIAN CARLO ha scritto:
  48. @Emiliano, credimi anche per me il tempo è super tiranno, oggi sono uscito alle 8.00 e tornato a casa dopo 12 ore e 30 minuti sempre a tutta mangiando solo un pezzo di pizza mentre camminavo e telefonavo(per lavoro). Ma alle 19.10 sulla strada del ritorno sono entrato in piscina, ho nuotato 40 minuti no stop(70 vasche) e asciugandomi alla super peggio con una maglietta(avevo dimenticato l'accappatoio) sono rapidamente uscito dallo spogliatoio mentre pioveva con 6 gradi per essere a tavola entro i limiti del lecito.

     
  49. lello ha scritto:
  50. L'ultima parola non riesco a leggerla mi viene l'orticaria
    riguardo a te sei un runner nato , ci vuole tempo e pazienza e arriveranno i risultati....anche negli altri sport .. sei ancora giovane intanto iscriviti a pescara...

     
  51. GIAN CARLO ha scritto:
  52. @Lello, l'orticaria te la farei venire volentieri... magari potessi far qualcosa per farti perdere questo campionato

     
  53. Massimo ha scritto:
  54. Domenica ho fatto 32 km sotto acqua e vento, in ipotermia agli arti superiori.

    Te lo avevo detto che risorgevate, dunque....

     
  55. GIAN CARLO ha scritto:
  56. @Massimo, non ricordo se avevi detto che poi alla fine quest'anno vincevamo pure la C.L. ?
    32km sotto l'acqua con meno di 10 gradi son davvero troppi anche perchè per necessità tieni il cuore molto basso e quindi non riesci a scaldare bene il corpo specie le zone periferiche(mani in primis)

     

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

Per ora ho visto solo i puntini

Per ora ho visto solo i puntini

Contatore ripartito il 10/10/2009

Lettori fissi