Tom Tom Multisport in modalità Run... passato ai raggi X

Pubblicato da GIAN CARLO giovedì 13 febbraio 2014


Ancora un post fatto per scandagliare le particolarità di questo gps Multisport questa volta in modalità run.
Come sempre cercherò di dare un’impronta non super tecnicistica a questa recensione… sia perché non ne sarei capace e sia perché il mondo del running si va espandendo e sempre di più si affacciano a questo sport persone che corrono principalmente per il benessere.
Nuovi easy runners ...che, seppur desiderosi di monitorarsi, non utilizzeranno mai tutte le funzioni disponibili.

Cominciamo con il dire che questo strumento è in continuo divenire un po’ come gli smartphone di ultima generazione.
Infatti, ogni volta che lo collegate al computer per scaricare i dati se è pronta una nuova realise informatica immediatamente parte l’upgrade.
Questo talvolta è spiazzante, perché riaccendendolo non è detto che funzioni tutto esattamente come prima, ma con il tempo ci si abitua anche perché di fatto abbiamo a che fare con continue leggere migliorie.
Vi avevo già detto nella precedente recensione(nuoto ...vedi qualche post sotto)  che contemporaneamente è possibile visualizzare 3 dati. 2 in piccolo e uno molto in grande.
Personalmente, quando corro, preferisco lasciare nel dato in grande la media generale al km… in alto in piccolo a sinistra la durata del training e in piccolo a destra la distanza percorsa.
A questi 3 dati, basilari nel mio standard, aggiungo la funziona di lap al km(ma potete farlo scattare dopo qualsiasi distanza vogliate.. che so… i 400 metri piuttosto che i 5 km).
Così so sempre se un allenamento lo sto prendendo troppo sotto gamaba o troppo di petto.
Bene, nelle prime versioni software allo scoccare del km il gps mi scriveva 1 poi 2.. 3 …etc etc senza evidenziare il ritmo di quel lap… oramai già da un po’ questa lacuna è stata sistemata, anche se il time appare ancora leggermente troppo in piccolo per chi non ha + la vista acuta della gioventù… ma in linea di massima si vede.
Ottima anche la possibilità di inserire il vibra allo scoccare del lap. Considerate che chi, come me, corre spesso per strada in città tra rumori assordanti senza vibra spesso perde i lap. Anche in gara, specialmente nelle maratone affollate, il vibra lo trovo fondamentale.
Un’altra lode che mi preme segnalare è la velocità con cui prende i satelliti quando lo si accende… cosa che si apprezza particolarmente in inverno quando stare impalati al freddo in attesa del beep liberatorio è fondamentale.
Molto preciso anche il cardio frequenzimetro inserito e ricordo ancora come con un unico grande tasto funzione è possibile con un semplice tocco modificare il dato in grande sia ad esempio per monitorare il cuore, sia per vedere quante calorie abbiamo già bruciato... o altro.
Inoltre è indubbio che il tom tom utilizza un sistema di gestione delle curve assolutamente rivoluzionario rispetto a tutti gli altri strumenti sul mercato.
A tutti i gps veniva rimproverato il fatto di regalare metri quando non si procedevain maniera rettilinea.
Con questo strumento è addirittura vero il contrario.
Io lo definisco Talebano… nel senso che è rigidissimo e non ti regala mai un solo metro. 
Pensate che per 2 volte ho provato 4km in pista (10 giri) e per tutta risposta lui mi ha dato una volta 3980 metri e l'altra  addirittura 3970 benchè non fossi riuscito a stare sempre alla corda.
In un paio di uscite in bici di circa 80km lo scarto con il garmin specifico da bici è stato circa di 3/400 metri …ovviamente in meno.
Anche il "biscotto", circuito da 1212 metri(misurato + volte con rotella metrica) situato a 500 metri dal Colosseo di fronte alle Terme di Caracalla, dove sono segnati tutti i km da 1 a 21 è caduto sotto la spada del tom tom. Così è stato che al mio calpestare il segno dei 10km il gps mi riportava solo 9910 metri. Se si pensa che ci sono 2 curve strette a giro si evince come(in 8 giri abbondanti) a spanne ad ogni curva ruba 5 metri.
Ovviamente tutti i percorsi run che avevo misurato con il Garmin 105 mi sono diventati + corti.
Addirittura ne ho uno... dove, partendo da casa, faccio il giro di entrambe le parti di Villa Pamphili che mi è sempre risultatato + lungo di 12km... da un minimo di 12 km e 50 metri a un max  di 12.200 metri; bene con il tom tom è miracolosamente sceso a  11.970.
Anche in occasione della gara dei 3 Comuni avevo sempre qualche metro meno degli altri gps… anche se, correndo all’aperto e principalmente in rettilineo, la differenza tende a diminuire. Mediamente alla fine dei presunti 22300(la gara era almeno 150 metri più corta) è stata compresa tra i 50 e 200 metri . Il tom tom mi ha dato 22010. Mi sento di dire che su un percorso medio(come numero di curve) siamo su una % di errore negativo dell’1% …% che cresce se ci sono molte curve e si annulla in caso di percorso rettilineo.
Eppure è anche vero che è sicuramente + preciso del mio vecchio garmin 105 infatti l’altro mi variava spesso la distanza a parità di percorso fatto, metre questo ha scarti sempre molto marginali. Addirittura su un giro (che per me era da 30km) in 2 prove mi ha dato la stessa identica lunghezza 29790.
In questa mia analisi segnalo come negatività la durata della batteria, che effettivamente è un pò risicata; handicap probabilmente dovuto al fatto che questo gps è leggerissimo.
Concludendo direi che come strumento multisport super tecnico forse non è ancora al livello del garmin 910, ma che a parità di accessori costa molto meno e che alcune ulteriori piccole lacune sono in via di risoluzione. Invece, utilizzato semplicemente nella sua funzione base di gps è strumento perfetto e  in grado di soddisfare le esigenze della la stragrande maggioranza dei runners "normali".


11 commenti

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

  1. MauroB2R ha scritto:
  2. Dovevi far il giornalista, altro che il cazzaro! Come sempre bella recensione...

     
  3. bibe ha scritto:
  4. Interessante il fatto che il software sia in costante aggiornamento/miglioramento, alle novità penso ci si possa abituare agevolmente, specialmente se il prodotto (software) in sé migliora costantemente.
    Complimenti per la recensione, quella di RB giornalista è un'idea da non lasciar perdere...

     
  5. Sicuramente utili le tue indicazioni per sostituire il mio obsoleto 205 garmin!!!

     
  6. GIAN CARLO ha scritto:
  7. @Maurone, cazzari si nasce ... il resto sono dettagli.

     
  8. GIAN CARLO ha scritto:
  9. @Bibe, complimenti per i tuoi primi 40 anni.
    Sto litigando un po' con molti software, avessi la tua età sarei nel regno giusto

     
  10. GIAN CARLO ha scritto:
  11. @Fausto, tutta un'altra storia... 100 volte + leggero. Anche se per leggere i dati resta migliore anche il vecchio Sport track

     
  12. Condivido tutto, tranne che il tuo vecchio garmin e' il 205 non il 105!!!!!

     
  13. FabioG ha scritto:
  14. Caro Janco, questi post di recensione tecnologica mi appassionano poco, ma è sempre un piacere leggerti.
    Mi sembra di aver letto il tuo nome tra gli iscritti al duathlon di domenica 23 all'Eur, mi confermi che ci sarai?

     
  15. GIAN CARLO ha scritto:
  16. @Gert, vero è il 205

    @FabioG, come sai c'ero e purtroppo sono arrivato solo quarto di categoria su 12.
    In bici sono troppo scarso.

     
  17. FabioG ha scritto:
  18. Almeno non sei caduto come me...

     
  19. GIAN CARLO ha scritto:
  20. @FabioG, cmq non mi posso rimproverare nulla il terzo era troppo lontano e in ogni caso non ce l'avrei fatta

     

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

Per ora ho visto solo i puntini

Per ora ho visto solo i puntini

Contatore ripartito il 10/10/2009

Lettori fissi