Trail: Un pesce fuor d'acqua si arrampica sul podio !

Pubblicato da GIAN CARLO lunedì 3 agosto 2009

Ieri ho partecipato al mio primo trail. In realtà lo speaker ha parlato in fase di presentazione di una vera e propria gara di Sky-running. Mi ero documentato, avevo fatto previsioni, ma fino all'atto pratico non avevo capito assolutamente nulla. Provo a darvi un'idea: ero certo guardando l'altimetria che si potesse correre decentemente i primi 3km quindi avevo immaginato di passare al 3000 tra 13 e 14 minuti.... se vi dico che me ne sono serviti circa 19 credo di aver detto tutto. Durante il Trail ho preso 2 belle distorsioni ad entrambe le caviglie, una volta sono caduto di brutto, fortunatamente senza danni(ma era pericolosissimo), sono entrato fra rovi di cardi e ho strusciato ripetutamente le gambe sulle rocce... insomma un totale massacro... fortunatamente raccontabile. Io temevo in maniera particolare per i 2km verticali nei quali si scalavano in sequenza le due montagne da 2000 metri, invece quello (anche se per un km ci son voluti quasi 20 minuti) si è rivelato il male minore.
A tratti mi sono arrampicato usando anche le mani e al mio fianco avevo un mio avversario di categoria che saliva con molta più dimestichezza di me, ma aveva il fiato più corto... per capirci aveva fatto l'ultima Roma-ostia e l'ultima mezza in notturna a Roma esattamente sui miei tempi, alla fine della prima salita siamo insieme, poi nell'unico tratto quasi pianeggiante mi avvantaggio, mi supera nella prima discesetta e lo riacchiappo in cima alla seconda salita. Da qui mancano 5km di discesa fino all'arrivo, io sono in affanno controllato lui mi sembra cotto eppure a valle mi precede di quattro minuti. Nella mia testa mi ero fatto un film di una discesa ripidissima, ma corribile. Ripensavo alla mia gara di qualche anno fa a Vallerano dove scendendo dalla cime di una montagna in mezzo ad un castagneto precipitai a valle a 3.30 al km per 3km di discesa vera, ma ben battuta. Qui, escluso l'ultimo a 4.30, non sono mai riuscito a correre sotto a 6 al km... semplicemente perché non si poteva correre, bisognava saltare tra una terrazza e l'altra con sassi giganti a far da tappetto. Alla fine ero distrutto, più per il senso di inadeguatezza e per la grande concentrazione che ho dovuto tenere, che non per lo sforzo aerobico.
Come avevo scritto (2 post sotto) avevo pensato di poter chiudere il Trail in circa 1h e 35 invece ho chiuso in 1h 38.50.
Diciamo che i più abili riuscivano a chiudere quasi con il loro stesso tempo della mezza maratona io sono andato circa 10 minuti sopra.
Sono arrivato 50esimo su 200, e terzo di categoria, con il primo di categoria inarrivabile che mi ha rifilato 8 minuti e il secondo, come anticipato 4. Fortuna ha voluto che non aver mai mollato e averci sempre creduto ha fatto si che ho preceduto gli altri avversari di poco. Nei 2 minuti successivi al mio arrivo son giunti al traguardo altri 3 M50.
Chiusa la mia mera cronaca, spendo 2 parole per dire che fare una gara simile all'interno del Parco Nazionale d'Abruzzo è veramente una grande pensata; non è casuale che in 3 edizioni si è passati da 30 iscritti a oltre 200 e son certo che in futuro ci saranno numeri ancora più grandi. Il percorso è bellissimo, a tratti mozzafiato, è però specialità riservata a quei runner che son stambecchi di montagna e non a chi abita a Roma centro. Io son rimasto prigioniero del mio ruolo di giocarmi la categoria, ma di sicuro, dovessi rifarla, partirei con la macchinetta fotografica e chiuderei impiegando un buon quarto d'ora in più, senza rischiare l'osso del collo e godendomi lo spettacolo della natura al 100%.
Purtroppo un post frettoloso... devo iniziare la mia ultima settimana di lavoro che farò in un altro ufficio dove anche il collegarmi in rete mi sarà più difficoltoso.
Chiudo dicendo di un bel Blogpoint ad alta quota con Master Runner e Er Moro, nel prossimo post unirò al riepilogo settimanale 2-3 foto di questo evento.
Solo una nota di colore: Er Moro malgrado avesse fatto la mezza in notturna sul filo dell'ora e 40, qui ha chiuso in 2h e 15... la ragazza, che lo aspettava al traguardo, superata una fase di preoccupazione(fino alle 2h)... l'ha lasciato per abbandono del tetto coniugale !!!

42 commenti

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

  1. Micio1970 ha scritto:
  2. Bravo per il podio e per aver portato a casa la "pelle" (o meglio le gambe)!

     
  3. dani half marathon ha scritto:
  4. Non male non male!!! 50^ su 200! certo che se lo speaker la presentata come una skyrunning, le medie sono sempre da prendere con le pinze!

    Come dice Micio, in queste gare, per i non avvezzi, l'importante è divertirsi e non farsi del male!!!

     
  5. Mathias ha scritto:
  6. ma le caviglie ora ti fanno male?
    Io per l'imperizia e lo scarso equilibrio in una gara del genere mi ammazzerei precipitando a valle. Mi accontento dei miei trail piani, dei miei percorsi sconnessi. Se proprio un percorso così me lo faccio tutto camminando zaino in spalla (trekking :-) )

     
  7. Ale_1957 ha scritto:
  8. Un'altra prova gagliarda. Ma è saggio rischiare la pelle per giocarsi il terzo gradino del podio? Ma già sò la risposta, è lo spirito del combattente indomabile che emerge in te. Bravo!

     
  9. MFM ha scritto:
  10. E bravo Gian Carlo!
    Come avrai notato la differenza vera in montagna si fa in discesa, è lì che ci vuole tecnica e capacità di saltare da un appoggio all'altro senza gravare troppo su caviglie e ginocchia.
    Domenica chi viene a fare l'Ecotrail del Gran Sasso? C'è anche un bel chilometro verticale di mezzo.

     
  11. Fatdaddy ha scritto:
  12. Eheheh, un grande stambecco der cupolone!
    Cià và, che vedo che l'agonismo non ti molla mai!
    Grande podio, Giancà!

     
  13. er Moro ha scritto:
  14. ottimo resoconto, come al solito!
    Io lo racconto a modo mio e con qlc immagine!!!
    Per il resto: io e la mia ragazza ci siamo riabbracciati, le ho garantito che qst è stato il mio ultimo trail e che la prox volta pùò venire anche lei per goderci una splendida escursione! Te possino Giancà! ;)

     
  15. nicolap ha scritto:
  16. Il calcare è la roba peggiore su cui correre; da scivoloso a tagliente, quell poi mi sa che son zone carsiche e allora è TAGLIENTE. Dai che andare a premio (e non rompersi)fa sempre morale :-)

     
  17. the yogi ha scritto:
  18. nelson, l'amico coatto di bart, direbbe... ha! ha! io no, io.... :)

     
  19. Master Runners ha scritto:
  20. Si, bello tutto, anche il ciambellone a inizio gara e il pasta party con vino rosso alla fine!

     
  21. MauroB2R ha scritto:
  22. Alla faccia del post frettolos :-)

     
  23. MauroB2R ha scritto:
  24. Alla faccia del post frettolos :-)

     
  25. Patty ha scritto:
  26. bhè dai le previsioni erano azzeccate, adesso capisci perchè ti abbiamo detto di guardare per terra! Ma oggi non hai i quadricipiti doloranti?

     
  27. Ribichesu Davide ha scritto:
  28. Credo che la nostra biderosa sia molto meglio...lì le cavilgie le rischi solo nelle rocce sul mare...comunque son gare da provare!! una vera togata dentro un parco..cosa c'è di meglio?? ciao

     
  29. GIAN CARLO ha scritto:
  30. @Tutti, quasi impossible per me collegarmi. Ora piccolo blitz.

    @Stefano, fossi stato M45 sarei arrivato dopo i primi 10...non esaltante, ma questa gara a differenza di quelle su strada è davvero trippa per giovani

     
  31. Yervs ha scritto:
  32. A Giancà, sei sempre er meglio!!!!!

     
  33. Anonimo ha scritto:
  34. giancà, che cacchio di gara è "la speata"? come mai filali ha dato 3' a giorgio e 10' a leoncini?
    luciano er califfo.

     
  35. Anonimo ha scritto:
  36. giancà, un fellone ti ha dato dello stambecco! er califfo.

     
  37. Pimpe ha scritto:
  38. ma in montagna ci devi andare a mangiare il camoscio o il cervo.. non a imitarli ....!
    :-))

     
  39. GIAN CARLO ha scritto:
  40. @Luciano, la Speata son 12km di salita continua, Giorgio in salita non è affatto male, ma Filali in questo periodo vale 29.30 sui 10km e peserà 48kg contro i 63 di Giorgio.

    @Dani half, veramente essere uscito sano è un miracolo

     
  41. GIAN CARLO ha scritto:
  42. @Ale57, la risposta la sai... ma dalla scrivania non posso che dirti che hai ragione da vendere...ho fatto una vera fesseria.

    @Math, oggi mi fa male tutto, ho solo fatto qualche km in bici...ma di correre non se ne parla proprio.

     
  43. GIAN CARLO ha scritto:
  44. @MFM, noooooooo.... perserverare sarebbe diabolico non verrei sul gran sasso neanche potendo.
    Cmq ricordo di essere salito sul Gran Sasso e qui il livello di difficoltà era circa lo stesso.

    @Marcello, ti ci avrei proprio visto, dopo i primi 3km... ti saresti fermato in contemplazione ascetica e avresti cercato di levitare prima fin sulle montagne e poi fino al pasta party... senza passare dal via.

     
  45. GIAN CARLO ha scritto:
  46. @Er Moro, se mi sono permesso è perchè vi ho visto affiatatissimi... anche se mi devi raccontare in 2h e 15 che cosa mai hai combinato.

    @Master, e ti stai dimenticando il cocomero che all'arrivo è stato proprio un toccasana.

     
  47. GIAN CARLO ha scritto:
  48. @Marco Yogi, secondo me se venivi qualche orsetta marsicana la trovavi pure !

    @Nicola, si la roccia era molto tagliente, fortuna solo graffi e un premio(misero)...ma che veramente ha fatto morale.

     
  49. GIAN CARLO ha scritto:
  50. @MauroB2R, in effetti l'ho scritto in 25 minuti di getto senza rileggerlo e era pure pieno di errori... ora l'ho corretto un po', ma è veramente un post chiavica, comunque non mi ero veramente accorto di essere riuscito a scrivere così tanto in così poco tempo.... lavoro a cottimo :-))

    @davide, dai vostri racconti Biderosa è molto più facile e ho già voglia di correrla.

     
  51. GIAN CARLO ha scritto:
  52. @Patty, in effetti avevi ragione(sei molto esperta in materia) ho corso sempre con gli occhi a terra... e oggi ogni volta che mi alzavo dalla sedia avevo i quadricipiti in fiamme.

    @Yervs, grazie... ma io mi son sentito più negato che grande !!!

     
  53. GIAN CARLO ha scritto:
  54. @pimpe, d'inverno, in settimana bianca, un po' di cervo l'assaggio sempre, per il resto malgrado le corna sono animali di una regalità stupefacente.

     
  55. Stefano ha scritto:
  56. Perfetto! Questo tipo di gare per ora è rimandato. Se dico a mia moglie che vado a correre anche in montagna...... finisce che faccio la fine dello "stambecco". E tu??? Sempre "tranquillo" a correre tutte le domeniche?? :-)))

     
  57. GIAN CARLO ha scritto:
  58. @Stefano, ho passato tutto il sabato a sperlonga con moglie e figlia, sabato sera ho dormito al paesello da mio suocero e abbiamo fatto un barbecue che è andato avanti fino a mezzanotte. La mattina un pazzo si sveglia alle 6 e va via... quando torna le normali si sono alzate da poco e hanno appena salutato la domenica.

     
  59. Stefano ha scritto:
  60. Meno male. Cominciavo a preoccuparmi. Ti sei fatto un mazzo doppio. Pensavo di essere il solo sotto la santa inquisizione.

     
  61. Marco Bucci ha scritto:
  62. Attento... che a forza de 'ffa' 'o stambecco potresti da fini' a 'ffa' er camoscio !!!
    Aritorna a scarpiccia' su' l' asfalto damme retta ;-D ...!!!

    Ciaooooooooo

    P:S: Forza Inter !!

     
  63. GIAN CARLO ha scritto:
  64. @Marco, è stato solo un gioco, torno a mordere l'asfalto... con la maglia neroazzura.

    @Stefano, vivere senza Santa Inquisizione... che vita sarebbe !
    San Runnerblade saluta e benedice.

     
  65. Alvin ha scritto:
  66. Ho visto le foto, eri senza mantello... con quello in discesa ie magnavi4 minuti a quello che è arrivato secondo...
    Scherzi a parte la discesa trail tecnica per "noi" stradaioli è veramente impegnativa e fatichiamo oltre che fisicamente anche mentalmente, dato che visto che non siamo per nulla abituati a massi ecc non riusciamo a scendere sciolti quel tanto che ci permetta di correre bene...pure io in discesa alla transcivetta faticavo a scendere sotto ai 5:40...
    Bravo e complimenti per il podio!

     
  67. GIAN CARLO ha scritto:
  68. @Alvin, sono passate quasi 60 ore e ancora non posso correre ho i quadricipiti in fiamme.
    Comunque ti confermo che valeva la pena provare :-)

     
  69. Diego ha scritto:
  70. Temevo per le tue vacanze....complimenti !!!

     
  71. GIAN CARLO ha scritto:
  72. Vacanze salve... ma sono quasi bloccato

     
  73. Sarah Burgarella ha scritto:
  74. A me i quadricipiti in fiamme sono venuti solo dopo Firenze, chissà perchè. Ganzo il nuovo percorso, vero? E quando si entra nei rovi... non ti sembra di essere un animaletto selvatico, un cinghiale? Piuttosto, tanto i quadricipiti passano, le caviglie come stanno? Quelle possono rompere, ne ho una certa esperienza... Sai che a Livigno Bourifa si è ritirato per una storta verso il 16°? E una keniana si è ritirata per una "rovinosa caduta". Quindi capita, non solo ai gechi... Bye by Sarah :-)

     
  75. GIAN CARLO ha scritto:
  76. @Sarah, con 3 giorni di riposo le caviglie sembrano proprio tornate a posto... i quadricipiti invece ancora bruciano... vabbè allungo il riposo forse ogni tanto serve anche quello.
    L'unico animale che mi sentivo(come ho scritto) era un pesce fuor d'acqua.
    Rimettiti al più presto, che poi se cadono i campioni alla ricerca del primato ci sta... noi umani pero' dobbiamo stare più accorti.

     
  77. giovanni56 ha scritto:
  78. Ci sono due modi per interpretare queste gare. O le si corre per andare a premio (e tu ci sei riuscito), ma allora bisona essere allenati appositamente per non subirne gli effetti "postumi" (leggi quadricipiti inkazzati). Oppure si va piano, si mangia, si beve, si fotografa, ci si ferma ai paesaggi, e così via, in puro ... Spirito Trail.
    Una via di mezzo diventa senza senso, ed è stato un po' anche il mio errore.

     
  79. Master Runners ha scritto:
  80. Io invece credo che esistano altri modi, e la via di mezzo è la migliore.

     
  81. GIAN CARLO ha scritto:
  82. @Master e Giovanni, io se la rifaccio ci metto 15 minuti in più, mi fermo a fare 5-10 foto, scendo un pochino + morbido e mi arrampico senza esagerare... alla fine ho tenuto il cuore sotto soglia, ma mi sono allenato lo stesso e mi sono divertito.
    Forse questo per Giovanni è considerata la modalità 2 e per Master la via di mezzo

     
  83. Maurizio ha scritto:
  84. Una bella sfacchinata che sicuramente ti ha regalato grandi soddisfazioni. Il solo leggere il post avevo m'ha fatto venire il fiato corto, che gara dev'esser stata!

     

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

Per ora ho visto solo i puntini

Per ora ho visto solo i puntini

Contatore ripartito il 10/10/2009

Lettori fissi