Scrivere sul mio vecchio blog è esercizio che ormai faccio di rado.
Narrare di 2 sconfitte consecutive non era mai successo.
Avere sempre la pioggia come nemico imbattibile neanche.
Eppure per tutto c'è sempre una prima volta.

Avevo lasciato ripromettendomi d'essere più zen e meno competitivo.
E' più zen non partecipare ad una gara dove potevo mettere in serio pericolo la mia incolumità fisica o lo è di più fregarsene del clima e cercare una simbiosi con la natura... sia pur essa imprevedibilmente astiosa ?

Questa la so: non ho la risposta giusta !

Piove molto forte come si sarebbe detto nello scorso millenio... è una bomba d'acqua ai giorni nostri.

Sono le 5 e 20 del mattino, il sole dovrebbe già esser sorto, ma la sua luce non è  ancora pervenuta.
Cesenatico, 150 metri dal bagniasciuga dell'Adriatico ...  travestito da ciclista dovrei uscire dal tepore della hall dell'albergo per andar ad affrontar la tormenta e pedalare per 205 km fra le colline della Romagna.

Chiamo Sandro che a un km da me alloggia in un altra struttura, ma che al mio fianco (copione dice) dovrebbe spalleggiar la mia bici x circa 9 ore.

Risponde al primo squillo ed è perentorio. Non vado. Torno a letto.

In quel di Cesenatico, sempre con mogli al seguito ci sono anche Giorgio e Giancarlo, tutti nati runner e poi chi più.. e chi meno(io), convertiti al Dio Pedale.
Sento anche loro e senza alcuna esitazione mi dicono che passano la mano... e si che Giorgio è iscritto al Circuito Prestigio e nella stagione per catturar quel trofeo non deve fallire nessuna delle 9 dure Gran Fondo in elenco... e questa ne fa parte; per non dire di Giancarlo, maratoneta da oltre 70 fregi e già biker dalle tante imprese, una vera macchina da guerra che mai e poi mai avrei pensato rinunciasse.

Torno a letto.

Passan 20 minuti e la pioggia si placa, partendo ora farei ancora in tempo ad esser al via puntuale... riparto con il giro di telefonate e come prima i 2 di picche si sussegguono implacabili.
Ovviamente mia moglie mi esorta al buon senso... che non è quello di affrontar il buio della vita su un mezzo senza motore e senza luci.

Spengo la luce, non dormo... e sento un pezzo d'anima volare via.

Hanno detto tutti no perchè tutti hanno un'età... un età che non fa sconti, un età che la senti, un età che nonostante t'alleni per provare a farla tacere, quando la mala parata gli offre uno spiraglio ...fa la voce grossa e ti mette in ginocchio.

In chiave positiva la sintesi di un pensiero vincente è ancora plausibile... abbiamo fatto e vinto mille battaglie, cosa dobbiamo dimostrare ancora ?
Gestiamo la cosa e belli freschi, da domani, con il coltello fra i denti...siam pronti per un' altra guerra, questa (stavolta) non è la nostra.

...e allora perchè brucia ?
Perchè fa ancora più male quando scopri che solo 5000 su 13000 non sono partiti.
Forse nuoto pedalo e corro per millantata... gioventù.
Però, se brucia ...e finchè brucia ...è segno che ancora un barlume di quel me non si rassegna.
Vivo.




 

19 commenti

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

  1. Stefano La Cara ha scritto:
  2. Come sempre tanta poesia e tanto da imparare...
    con pescara tirerai a lucidi il blog!

     
  3. Brontorunner ha scritto:
  4. Grande dimostrazione di saggezza.
    Non avremo mai la controprova, ma in quella situazione i rischi erano talmente elevati che la migliore scelta, per quanto bruciante, coincide con la tua.
    Meglio una delusione e le clavicole intatte che pedalare per 200 km con la tensione costante e la preoccupazione ininterrotta di poter cadere da un momento all'altro e farsi male, ma molto molto male.

     
  5. Albe che corre ha scritto:
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.  
  7. Albe che corre ha scritto:
  8. Credo che in certe situazioni la giusta domanda da porsi è... Se vado mi diverto? ...quanto mi diverto? ...Per un giovanotto con poche esperienze può essere divertente affrontare il peggio. Per uno che ormai ha provato quasi tutto e non deve dimostrae niete a nessuno le preoccupazioni possono avere la meglio...Secondo me hai fatto bene, ma anch'io oramai ho una certa età e non so quanto la mia opinione possa aver valore...;)

     
  9. Master ha scritto:
  10. io sarei partito, ma solo se l'avremmo fatta insieme ;)
    daje giancà!

     
  11. Ciccò ha scritto:
  12. da diverso tempo (e forse per motivi differenti) anch'io mi son dato allo zen ma, a differenza tua, non ho solamente abbassato la competitività ma ho radicalmente eliminato la radice della competizione scoprendo interessanti universi paralleli.
    hai mai provato a ficcanasare nel mondo delle randonnée?

     
  13. GIAN CARLO ha scritto:
  14. @Cicco', sono ancora troppo poco ciclista... ma non è escluso che a breve farò qualche randonnè

     
  15. GIAN CARLO ha scritto:
  16. @Strong, a Pescara so già che non sarò in grado di far bene come lo scorso anno, ma se non succede nulla di negativo ...salverò la faccia e forse batterò Master

     
  17. GIAN CARLO ha scritto:
  18. @Gianluca, se fossi stato in hotel con me... 10 minuti prima del nostro via uscivamo e ci provavamo.

     
  19. GIAN CARLO ha scritto:
  20. @Leo, indubbiamente era molto pericoloso e la clavicola e il polso li ho già donati alla causa... ma se ci limitassimo solo a vivere a rischio 0 ...non dovremmo neanche iscriverci a certe gare

     
  21. GIAN CARLO ha scritto:
  22. @Albe, pure sul mi diverto è difficile da dirsi... alle volte nel disagio ti diverti da matto alle volte no.
    Certo se sei giovane è più facile prenderla con lo spirito giusto.

     
  23. Brady ha scritto:
  24. Lo spirito competitivo é una caratteristica umana. L'evoluzione in presunti livelli di coscienza più nobili inizia solo quanto ci togliamo la divisa da Guerriero.
    Quello che brucia é non aver gareggiato proprio con quelle condizioni meteo.
    Imprese che fortificano lo spirito, tappe evolutive fondamentali.
    Ovviamente non sarei partito nemmeno io. Forse.

     
  25. GIAN CARLO ha scritto:
  26. @Brady, grande commento... grazie

     
  27. Black Knight ha scritto:
  28. Gli americani dicono listen to your body ..... ci sarà pur un motivo....
    Hai preso la decisione giusta.

     
  29. Mauro Battello ha scritto:
  30. Che hai fatto bene lo sai, che forse inizi a prenderci gusto col ritirarti è una mia cattiveria ☺ secondo me la tanta saggezza dovrebbe portarti a dire che forse è meglio guardare le previsioni la prossima volta, piuttosto che porsi certi dubbi!
    Daje nonno blade

     
  31. nino ha scritto:
  32. second ome hai fatto bene. brucia ma ti rifarai

     
  33. GIAN CARLO ha scritto:
  34. @Nino, se piove forte pure a Pescara e non riesco a gareggiare... mi dedicherò solo al ping pong

     
  35. GIAN CARLO ha scritto:
  36. @Battello, hai fatto bene a togliere qualche altro minuto al tuo time del Passatore 2014... hai visto mai

     
  37. GIAN CARLO ha scritto:
  38. @Black Knight, ma riuscirò sempre ad ascoltare il mio corpo al passare dei lustri ?
    Sai com'è... son già mezzo sordo :)

     

Posta un commento

Hai fatto tanta strada ora non rinunciare, lascia un commento aerobico... se non sei registrato devi scegliere il pallino con anonimo e...firmare il messaggio.

Per ora ho visto solo i puntini

Per ora ho visto solo i puntini

Contatore ripartito il 10/10/2009

Lettori fissi